BANDO 2017 PER L’ INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI TOSCANE

( Agevolazioni, Credito e Finanza, Assicurazioni )

BANDO 2017 PER L’ INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI TOSCANE

 

 

BANDO 2017 PER L’ INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI TOSCANE

Apertura dal 7 giugno al 7 agosto pv. 

La Regione Toscana ha adottato, il 24 Maggio scorso, il decreto che approva il nuovo bando Por Fesr per l’internazionalizzazione delle Pmi, che si apre alla presentazione delle domande a partire dal 7 giugno e fino al 7 agosto. Le risorse stanziate sul bando sono pari a 8,5 milioni, di cui 7,5 per il manifatturiero e 1 milione per il turismo.

Beneficiari: Possono presentare domanda Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI), o i liberi professionisti in quanto equiparati alle imprese, in forma singola o associata in RTI/ATS, Reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto), Consorzi, Societa Consortili (costituiti o costituendi), esercitanti un’attività identificata come prevalente rientrante in uno dei Codici ATECO ISTAT 2007 elencati nel bando.

 

Progetti Ammissibili: Progetti di internazionalizzazione rivolti a Paesi esterni all’Unione Europea  che prevedono investimenti innovativi consistenti nell’acquisizione di servizi qualificati delle tipologie da C.1 a C.5 di cui al Catalogo Servizi della Regione Toscana.

I progetti di investimento non devono prevedere interventi di delocalizzazione.

In nessun modo possono essere finanziate spese riconducibili a “stabili organizzazioni all’estero” dell’impresa beneficiaria, cioè unita locali aventi ad oggetto la produzione di beni e/o l’erogazione dei servizi specificamente oggetto dell’attività di impresa del soggetto beneficiario, bensì esclusivamente spese riferite ad uffici espositivi, show room o simili, come meglio definiti dal Catalogo.

 

Il costo totale del progetto deve essere compreso tra 10.000 € e 150.000 € per le singole imprese.

I progetti di investimento dovranno concludersi entro 12 mesi dalla data di pubblicazione sul BURT del provvedimento di concessione dell’aiuto.

 

Spese ammissibili: Le spese sono riconducibili alle seguenti tipologie:

  • Partecipazione a fiere e saloni internazionali
  • Promozione di prodotti e servizi su mercati internazionali mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero
  • Servizi promozionali
  • Supporto specialistico all’internazionalizzazione
  • Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati.

Segnaliamo la retroattività dei soli costi già sostenuti per la partecipazione a fiere e saloni a partire dal 1° aprile 2016.

 

Intensità dell’agevolazione: Gli aiuti per la realizzazione dei progetti di investimento, sono concessi nella forma di contributo in conto capitale a fondo perduto, anche come voucher limitatamente alle spese sostenute con fornitori nazionali.

Essi sono concessi per ogni tipologia di servizio acquisito in relazione alla dimensione dell’impresa in misura che va tra il 30% ed il 50% della spesa.

 

La domanda di aiuto può essere redatta esclusivamente on-line e si considera presentata solo ed esclusivamente se inoltrata per via telematica sul sistema informatico di Sviluppo Toscana Spa, a partire dalle ore 09,00 del 07/06/2017 e fino alle ore 17.00 del 07/08/2017.

FI 18 – 31.5.2017

Rif. L. Caccialupi – Tel. 0575 399437 – e-mail: l.caccialupi@confindustriatoscanasud.it
F. Giustarini – Tel. 0577 257249 – e-mail: f.giustarini@confindustriatoscanasud.it